IL DISTACCO ED IL "FURTO DI CALORE" - Elena chiede:

"Stiamo completando il passaggio alla contabilizzazione con NUOVA caldaia a condensazione in un condominio a 6 piani con impianto di riscaldamento a colonne verticali. Ho comunicato il distacco dal riscaldamento del mio negozio al piano terra ma l'assemblea ha deliberato che dovrò comunque pagare una quota per il passaggio nei miei locali delle tubazioni (per il "furto di calore"), è giusto? "

Risposta:

"Gentile SIgnora,
il problema del distacco dal riscaldamento condominiale è molto più complicato di quanto sembri dalla lettura superficiale della norma.

Mille fattori possono impedirlo o possono far sì che lei debba pagare comunque una quota di spesa per consumi involontari (quello che lei chiama furto di calore).
E comunque lei è sempre tenuta al pagamento delle spese di manutenzione ed adeguamento dell'impianto

La cosa migliore è farsi assistere da un tecnico ed avviare un contraddittorio col condominio per trovare una soluzione condivisa.


Se ti è necessario un approfondimento o assistenza, contatta il professionista ANACI più vicino.
Sicuramente otterrai un aiuto competente e risolutivo.

Guido Bartolucci
www.espertoincondominio.it"

< Indietro